GO BACK
        TO MENU

        Il matrimonio ai tempi del coronavirus

        Il diffondersi del coronavirus in Italia e nel mondo ha sicuramente mandato all’aria molti matrimoni fissati da tempo. Molti giornali hanno parlato di come questo abbia influito su tanti settori diversi: quello della fotografia di matrimonio, sicuramente, ma anche la floricoltura, i ristoranti, i musicisti. Per chi ha passato mesi a progettare un giorno così importante, è triste, e frustrante dover rimandare e rimanere nell’incertezza.

        I momenti di crisi, d’altro canto, sono spesso momenti di grande cambiamento e possono portare molti sposi a riconsiderare cosa reputano importante e indispensabile, quando si parla di matrimonio. Alcune coppie stanno prendendo in considerazione l’idea di sposarsi in maniera diversa, con un elopement o una cerimonia intima.

        Cos’è un matrimonio intimo, o elopement, in Italia e all’estero

        L’ho capito lavorando come fotografa di matrimoni a Venezia e in tutta Italia: un matrimonio può essere esattamente come lo si vuole. Si può celebrare ovunque e può davvero riflettere la tua personalità e quella del tuo partner. Anche prima che i matrimoni tradizionali venissero messi in crisi dal coronavirus, il trend mondiale era quello di fare matrimoni sempre più ridotti, autentici, intimi: degli elopement.

        L’elopement è una fuga, come spiego in questo articolo. Ma non sempre la fuga ha una connotazione negativa: si può fuggire dagli obblighi sociali, dallo spreco, dalle cose che ci sembrano inutili. Chi sceglie l’elopement è chi ama andare alla sostanza delle cose, e non ci tiene ad essere convezionale.

        Luna di miele a Venezia Foto di coppia matrimonio Venezia

        Ci sono alcuni miti da sfatare sull’elopement (o matrimonio intimo):

        1. Scegliere di organizzare un elopement non significa odiare la propria famiglia, o non avere amici
          Questa coppia di orgine cinese ha organizzato un elopement a Taormina, per una serie di motivi molto sensati. Gli sposi abitavano in due Paesi diversi: la sposa, che di lavoro fa la hostess, viveva a Dubai, mentre lo sposo aveva appena trovato un lavoro come medico in Australia. Le famiglie arrivavano da Cina e Inghilterra. Con un piccolo e intimo destination wedding in Sicilia, hanno riunito amici e parenti che venivano da ogni parte del mondo. Perchè l’Italia? La sposa adora il nostro Paese e voleva celebrare un giorno così importante in una cornice da sogno (ha scelto infatti l’hotel Belmond Villa Sant’Andrea). In totale gli invitati erano meno di trenta. Anche questo è un elopement. La cosa importante è che al centro della giornata ci siate voi, gli sposi, con le vostre idee e le vostre passioni.
        2. L’elopement non è un servizio fotografico di un’ora
          Non è un servizio veloce in cui si recitano i voti, si firma un certificato, si apre una bottiglia di spumante e tutti a casa propria. Si tratta comunque del giorno del vostro matrimonio: una giornata che merita di essere piena di cose belle. Un elopement può durare un giorno ma anche due o tre. Organizzare una giornata così importante fa parte del mio lavoro. Se un matrimonio tradizionale sicuramente richiede una wedding planner (o molto lavoro da parte vostra), l’elopement è qualcosa che può tranquillamente essere gestito da me, la vostra fotografa. Ho un elenco di location pensate per piccoli gruppi e sono pronta a sognare e pianificare con voi.
        3. L’elopement non è una scelta fatta per risparmiare
          Molte persone spendono persino di più per un elopement. Lo fanno sapendo però che quei soldi li spendono per qualcosa che li renderà davvero felici. Una delle fotografe più importanti nel mondo degli elopement è Maddie Mae: la sua specialità sono gli elopement avventurosi, che includono trekking e scalate in luoghi incredibili. Lei e le sue colleghe di Adventure Instead si occupano di circa 100-120 elopement all’anno, e ciascuna coppia paga in media $7200 per il loro lavoro di organizzazione e fotografia. Nel 2018 hanno fotografato un elopement di più giorni in Namibia, e la spesa per le sole foto ammontava a $18,000. La bellezza dell’elopement è che combina avventura, viaggio di nozze e cerimonia. Quanto volete spendere per il vostro giorno dipende esclusivamente da voi.
        4. L’elopement si può fare ovunque
          Maddie Mae con Adventure Instead, e tanti altri fotografi (soprattutto statunitensi) offrono un viaggio da sogno, per due, che culmina con una cerimonia. Per chi ama il trekking e la montagna, come me, l’idea di sposarsi in Patagonia, per esempio è un sogno (ci sono stata per altri motivi, che potete leggere qui, ma ci tornerei subito!). Chi ama l’arte e le città storiche, può scegliere un elopement più urbano ma altrettanto avventuroso a Venezia, a Parigi, ovunque in Europa.
        5. Scegliere l’elopement non significa dare poca importanza al matrimonio
          Questo è un altro mito che sembra difficile sfatare: sposarsi con una cerimonia intima, che sia religiosa o simbolica, non significa sminuire un rapporto, o il sacramento stesso del matrimonio. Al contrario: scegliendo un elopement, decidete di dare tutta l’importanza del mondo al giorno del vostro matrimonio. Ci siete solo voi, c’è tutto quello che vi unisce, in un posto magico che farà per sempre parte della vostra storia insieme.

          L’elopement è fatto per chi dà più valore alle esperienze che alle cose materiali. È per chi pensa che la vita sia un’avventura che va vissuta, ora. L’elopement è un’esperienza di matrimonio più emozionante, intima, autentica.

        L’elopement è fatto per chi dà più valore alle esperienze che alle cose materiali.

        È per chi pensa che la vita sia un’avventura che va vissuta, ora.

        L’elopement è un’esperienza di matrimonio più emozionante, intima, autentica.

        L’elopement come alternativa ai tempi di coronavirus e matrimoni rimandati

        Ancora di più quest’anno, a causa del diffondersi nel mondo del coronavirus, tante cose stanno cambiando. Molte ancora non sappiamo come cambieranno: soprattutto nel mondo dei matrimoni. La maggior parte delle cerimonie sono state annullate o posticipate. Da qualche settimana, entrati nella fase 3, e almeno fino al 14 luglio 2020, in Italia i matrimoni sono permessi, con alcuni accorgimenti, ben riassunti da Matrimonio.com con questa infografica:

        Infografica Matrimoni Coronavirus

        In molti stanno cercando delle alternative per sposarsi comunque nel 2020, ma senza rischi. C’è chi ha semplicemente rimandato. Chi aveva sempre voluto un elopement, in Italia o all’estero, e lo farà, non appena il traffico aereo tornerà regolare. C’è anche chi, non volendo rinunciare ad avere accanto tutti gli amici e i parenti, sceglie di sdoppiare il matrimonio con una cerimonia privata nel 2020 e una festa, da organizzare nel 2021.

        Tornare alle basi del matrimonio: una promessa, una avventura, solo per voi due

        Per molti può essere l’occasione di vivere una avventura in due, e scoprire, senza averci mai pensato prima, l’elopement. In un momento di crisi e cambiamenti, può essere bellissimo ritornare alle basi, alla radice di un rapporto. Due persone che si fanno una promessa, in un luogo significativo e magico come Piazza San Marco all’alba, su una delle tante, splendide, cime delle Dolomiti, o sulla spiaggia, al tramonto, mano nella mano.

        0 COMMENTS

        Leave a Comment

        Your email address will not be published. Required fields marked *

        Privacy Settings
        We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy